fbpx

YOGA Mente e Corpo

YOGA

Mente e Corpo

 

Patanjali la più antica autorità nel campo dello yoga, definisce lo yoga come:( yogas citta-vrtti- nirodhah. Y.s. 1,2), la cessazione delle modificazioni mentali.
Questa definizione e principalmente psicologica, si riconosce che la coscienza è un’onda che fluttua costantemente a seconda dell’umore, dei pensieri e desideri.
Allo scopo di conquistare il controllo della mente, Patanjali espone il cammino verso questo obbiettivo costituito da 8 fasi di pratica di cui i primi 5 risultano i fondamentali, che quando seguite e padroneggiate, conducono alla stabilità mentale e armonia interiore.

Esse sono:    

1-     Yama   ( rispetto di comportamenti etici)

2-   Nyama ( stile di vita disciplinato)

3-   Asanas     ( pratica di posizioni fisiche)

4-   Pranayama   ( pratica del controllo respiratorio)

5-   Pratyahara     ( non stimolazione dei sensi)

 

Come risultato di queste pratiche, la mente diviene più forte e più focalizzata, può essere cosi impegnata in prolungati stati di concentrazione ( Dhyana). Il fine dello yoga è detto essere l’unione dello spirito individuale con il sottile potere dell’universo e questo è chiamato assorbimento (Samadhi), ottavo e ultima fase del cammino che costituisce lo yoga.

Secondo la filosofia yoga la mente è il controllore dei sensi, di conseguenza l’attrazione dei sensi può essere cosi’ forte che essi disturbano la mente.

 

E’ detto che colui che ha i sensi   senza controllo, ha una mente senza stabilità e controllo. Mentre colui che ha i sensi sotto controllo, ha una mente serena e stabile (katopanishad).

 

Ciò può dar luogo al quesito; come le pratiche yoga agiscono sui sensi e quindi sulla mente? Alcune pratiche come le ingiunzioni al vivere etico e disciplina personale hanno un chiaro collegamento con i fattori psicologici.

Le asanas (posizioni fisiche) implicano movimenti fisici e come tali hanno effetti fisici, come flessibilità e tonicità muscolare, esse hanno anche un effetto diretto sul sistema più sottile del corpo, come il sistema endocrino e nervoso, esse stimolano il sangue a circolare nelle ghiandole, quindi a regolare la secrezione ormonale.

Posizioni differenti e gruppi di posizioni hanno effetti differenti, tra le più importanti fra queste   SIRSASANA ( sulla testa). La ghiandola Pituitaria è la ghiandola più importante del corpo, in quanto è quella che controlla tutte le altre ghiandole. Essa è situata al centro del cervello, in linea con lo spazio tra le sopracciglia. La posizione sul capo, Sirsasana, è la posizione che aiuta ad attivare questa ghiandola. Quando il corpo è capovolto, il sangue fluisce più liberamente al cervello. L’effetto di sirsasana, quindi è sia fisico che mentale, in quanto il cervello viene rinfrescato ed energicizzato. Attenzione ad una eccessiva pratica di sirsasana, in quanto può provocare, invece della calma, aggressività.


                                                                                   HARE OM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su