fbpx

Formazione yoga on-line si anche no

Lo yoga  on-line: attenzione!

Premesso che in una condizione di emergenza come quella relativa a COVID19 in cui il contatto tra le persone non era consentito, l’utilizzo del web è stata una valida alternativa.
Tuttavia, una volta superata l’emergenza, l’eccezione rappresentata dall’insegnamento on-line non può essere considerata sostitutiva rispetto alla  normalità, ovvero l’insegnamento in presenza, soprattutto per quanto riguarda le discipline tecniche e pratiche come lo yoga, che viene definito al 90% pratico e al 10% teorico.
Seguire l’insegnamento on-line dal proprio computer è sicuramente una comodità e un risparmio in termini di risorse economiche (viaggi, benzina ecc.) e di tempo ovviamente. Tuttavia, comprendiamo i vantaggi e gli svantaggi di questo tipo di formazione, prima  di considerarla la soluzione a tutti i problemi, perciò è certamente saggio confrontare vantaggi e svantaggi.

E-learning è un apprendimento on-line dove, grazie all’utilizzo delle tecnologie multimediali e di internet, si svolgono corsi di formazione professionale. L’accesso alle risorse e ai servizi è semplificato dagli strumenti digitali e dalla connessione remota, è qui che è nata la formazione a distanza. Il termine formazione a distanza è spesso usato in modo generico per identificare un tipo di formazione e di insegnamento che si realizza, appunto, a distanza o dove non c’è condivisione di spazio e interazione fisica tra insegnante e studenti, ma tutto è mediato dall’uso di mezzi tecnologici.

Se ci sono molti vantaggi, altrettanti sono gli svantaggi o meglio i limiti. Innanzitutto, “fare lezione” attraverso la tecnologia annulla la dimensione dell’interazione insegnante-studente e tra gli studenti stessi. Soprattutto se le lezioni sono registrazioni, questo diventa ancora più significativo perché lo studente è solo, isolato nel processo di apprendimento. Anche quando la lezione è in diretta on-line, mancano elementi importanti che animano la lezione vis à vis: innanzitutto il contatto umano e la comunicazione diretta, fatta non solo di parole e di ascolto ma di gesti, espressioni e sfaccettature che fanno la differenza nel processo di apprendimento e nella comprensione dei contenuti.

Con l’uso della tecnologia la possibilità di interazione e di confronto è meno diretta, più lenta e spesso porta a perdere alcuni importanti elementi di crescita. Soprattutto per i principianti rispetto alla disciplina dello yoga, dove il contatto con l’insegnante è essenziale per l’apprendimento dal punto di vista tecnico e della crescita personale.

L’uso dei media è molto complesso e può non essere molto funzionale se non ben utilizzato. Soprattutto se la lezione on-line viene registrata si possono avere difficoltà di concentrazione e di comprensione, spesso dovute al monotono della voce, al rispetto dei tempi delle varie fasi durante la pratica. Tutte cose che nella lezione frontale l’insegnante può considerare e cogliere dai segnali che riceve dagli studenti.
Un altro sostanziale svantaggio è legato all’impossibilità di sfruttare i legami che si creano con i compagni, certamente fonte di arricchimento  e di confronto importante, da cui possono nascere relazioni e scambi di idee e di sostegno rispetto alle reciproche motivazioni.

 

L’insegnamento online ha i suoi vantaggi:

  1. – Non è necessario avere un posto dedicato con relativi costi di gestione
  2. – Risparmio di tempo e di costi per i viaggi
  3. – Indipendenza da collaborazioni con strutture non di proprietà
  4. – Raggiungere gli studenti al di fuori della zona di residenza

Tuttavia, va sottolineato che è impossibile per l’insegnante avere una visione tridimensionale dello studente, per esperienza diretta, l’insegnante vede un solo schermo durante l’insegnamento, con la conseguente impossibilità di effettuare correzioni al fine di sostenere la pratica dello studente durante la lezione. Questo produce per l’insegnante un insegnamento  sostanzialmente “al buio”, mentre l’allievo è in una condizione di insicurezza, non sentendosi protetto dallo sguardo vigile e dalla presenza dell’insegnante.

Vantaggi e svantaggi delle lezioni di yoga on-line

1-Vantaggio: Essere in grado di esercitarsi quando e da dove si vuole

1-Svantaggio: Non si utilizza un luogo, la sala yoga, creata e attrezzato per la disciplina specifica

 

2-Vantaggio: maggiore flessibilità

2-Svantaggio: Necessità di autodisciplina (Solo il rapporto diretto con un centro specializzato e un insegnante qualificato può sviluppare la disciplina) – Modalità poco pratica per persone pigre o depresse.

 

3-Vantaggio: Si possono seguire diversi stili con diversi insegnanti

3-Svantaggio: Molti stili finiscono per confondere, ci si trova a praticare senza una linea definita e strutturata (Molti stili, pari a nessuno stile). Mescolare modalità diverse non porta a risultati.

 

4-Vantaggio: praticare a casa

4-Svantaggio: La pratica a casa è soggetta all’interferenza dei conviventi e non facilita il distacco psicologico dagli impegni familiari.

 

5-Vantaggio: Risparmio (spese di viaggio e lezioni di yoga)

5-Svantaggio: Si spende meno per ottenere poco o niente

 

Frequentare un corso online piuttosto che una lezione in un centro yoga non è LA STESSA COSA.

Tuttavia, l’uno non esclude l’altro. L’integrazione di lezioni faccia a faccia in un centro yoga, con lezioni dal vivo o registrate online tenute dal vostro insegnante, rende la pratica dello yoga più coerente, sicura, stimolante ed efficace.

 

Riassumendo i principali consigli per un approccio sicuro con la disciplina yoga

1-Non iniziare a praticare yoga attraverso un corso online, imparare prima da un insegnante in un centro yoga qualificato, da un insegnante certificato.

2- Provate diverse metodologie per poi sceglierne una e seguire solo quella scelta, solo così otterrete risultati reali e profondi.

3- Utilizzare le lezioni online solo come supporto per le lezioni Frontali

4- Non scegliere corsi online che offrono metodologie diverse da quella che stai praticando con il tuo insegnante abituale, l’ideale è seguire i video prodotti dal tuo stesso insegnante.

 

I corsi di formazione professionale per insegnanti di yoga on-line

Tutte le considerazioni e le conclusioni fatte per l’insegnamento in classe rispetto all’insegnamento on-line  sono ancora più valide per i corsi di formazione, in particolare per i corsi di formazione  insegnanti di yoga. In Italia e nel resto del mondo, tra le professioni non regolamentate c’è l’insegnamento dello yoga, questo significa che chiunque può essere definito “insegnante di yoga”. Ma quello che molti non sanno è che non c’è differenza di titolo tra un insegnante che si è formato in una scuola che prevede anni di formazione e di studio, e quello dell’aspirante insegnante che senza alcuna pratica decide di iscriversi a un corso di formazione per insegnanti che permette di diventare insegnante in brevissimo tempo, ad esempio qualche fine settimana, o anche completamente online.

Inoltre, dato che oggi non esistono organizzazioni Yoga governative o paragovernative in nessun paese del mondo, è importante tenere presente che non sono mai state stabilite, dalle leggi nazionali di nessun paese del mondo e/o da accordi internazionali, veri e propri Standard Professionali per la formazione e l’insegnamento della disciplina Yoga.
In assenza di una legislazione di riferimento globale, tra il 1999 e il 2013 sono nate le organizzazioni Yoga Alliance, comprese le più importanti: Yoga Alliance (International Australia), Yoga Alliance (International/Italia), Yoga Alliance Professionals UK, la Yoga Alliance canadese e Yoga Alliance (USA), senza alcun vincolo di rappresentanza esclusiva, per valorizzare le competenze dei membri e garantire il rispetto delle regole etiche, con l’obiettivo di facilitare la scelta e la tutela degli utenti. I registri pubblici di ogni Yoga Alliance sono utili ai consumatori per verificare le credenziali degli insegnanti su cui si basano per i corsi di formazione o le lezioni di yoga.

 

 

Trasparenza dell’insegnante di yoga è necessaria
l primo consiglio, indipendentemente dalla tradizione o dallo stile di yoga che si sceglie di praticare, è di informarsi e chiedere se l’insegnante ha seguito almeno un corso di formazione serio.

Scegliere l’insegnante di yoga giusto è essenziale per sfruttare al meglio i benefici e ridurre al minimo il rischio di danni o di vedere deluse le proprie aspettative. Quando vi iscrivete a una lezione di yoga o a un corso di formazione per insegnanti, mettete il vostro corpo e la vostra salute nelle mani di qualcuno. Solo perché il vostro insegnante è bravo a praticare l’asana yoga, non significa che sia qualificato per la formazione o l’insegnamento di lezioni di yoga, poiché c’è la possibilità che abbia completato un intero corso di formazione, tenuto da un insegnante inesperto.

 

Elementi da valutare quando si vuole capire se un insegnante è qualificato

  • Chi è il formatore del suo insegnante?
  • Che tipo di corso di formazione ha completato?
  • In quale scuola è stata ottenuta la qualifica?
  • Rispetto alle lezioni che ha frequentato e/o ai corsi di formazione, quanta esperienza di insegnamento ha l’insegnante?
  • Il suo insegnante è affiliato a un’organizzazione nazionale o internazionale di yoga dove è possibile verificare le sue credenziali professionali ed essere sicuri di avere la qualifica verificata dall’organizzazione affiliata

 

Cosa si deve ricordare principalmente dell’insegnante di yoga

L’insegnamento dello yoga è un atto di generosità in cui la passione e l’amore per ciò che si fa sono fondamentali, una missione prima del lavoro. Per questo motivo è una condizione indispensabile per un insegnante di yoga aver vissuto una pratica personale (sadhana), cioè aver già fatto l’esperienza prima di poterla trasmettere, l’esperienza si acquisisce nel tempo, in anni, senza scorciatoie. Un insegnante deve avere alle spalle una pratica e una disciplina maturata con costanza, consolidata e dimostrabile. Non solo, la sua formazione deve durare negli anni, anche una vita intera, perché non si smette mai di imparare e di aggiornarsi e alla fine ci si qualifica per evolvere.

Informarsi….Informarsi…Informarsi

M.to Felice Vernillo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su