fbpx

1- Kundalini – Mooladhara Chakra

L’energia potenziale kundalini e i Chakra

…I CHAKRA

Conoscere i chakra significa conoscere se stessi 

Nel nucleo interno dell’essere umano ruotano 7 centri di energia detti  CHAKRA. Vorticante intersezione di forza vitale, ciascun chakra riflette un aspetto della coscienza, essenziale per la nostra vita. Insieme i 7 chakra formano una formula di completezza che integra  Mente ,Corpo e Spirito. In questo sistema completo, i chakra costituiscono un potente strumento per la crescita personale.
I chakra sono centri di attività per la ricezione, l’assimilazione e la trasmissione dell’energia vitale. Conoscere i chakra è solo una tappa del viaggio: la vera difficoltà è SPERIMENTARLI. Il termine chakra è un termine sanscrito che significa “ Ruota” o “ Disco”, un punto di intersezione in cui si incontrano corpo e mente.
Il chakra è raffigurato e descritto come un loto. Come il loto i chakra hanno i “ petali” che variano nel numero da chakra a chakra (dal basso verso l’alto; 4, 6,10,12,16,2,1000).Come i fiori, i chakra possono essere aperti o chiusi, morenti o in piena fioritura, a seconda dello stato di coscienza interno.
I Chakra sono associati a 7 livelli fondamentali di coscienza. Quando sperimentiamo l’apertura di un Chakra, sperimentiamo anche una più profonda comprensione dello stato di coscienza, associato a quel livello.
Per entrare in contatto con questa energia potenziale all’interno di ogni essere umano, lo yoga prescrive un lavoro coordinato attraverso asana, pranayama e concentrazione, tale da svolgere una funzione integrata di purificazione ed attivazione sui Chakra.
Un vero e proprio lavoro sulla “energia vitale” individuale, chiamata “Shakti. Nella sua condizione potenziale (non ancora espressa) viene chiamata Kundalini.
Kundalini è presente nell’essere umano in tre forme:
  • addormentata
  • risvegliata
  • attivata
Entriamo ora nei singoli Chakra iniziando da:  Mooladhara Chakra 
Colore: Rosso scuro
Elemento: Terra
Suono : O di OM
Bija Mantra :  LAM

 

 Il nostro viaggio su per la spina dorsale comincia dalla base, la casa del primo chakra. Questa è la base dell’intero sistema, la pietra su cui tutti gli altri chakra devono riposare, ragion per cui questo centro vitale è di importanza cruciale. È connesso all’elemento terra, e a tutte le cose solide terrestri, come i nostri corpi, la salute, la sopravvivenza, l’esistenza materiale e monetaria con la capacità di manifestare e focalizzare le nostre necessità.
Rappresenta la manifestazione della coscienza nella forma finale, solida e tangibile, è anche la necessità del corpo di restare vivo e sano, ed ancora la necessità della nostra mente di accettare i limiti e la disciplina tanto cruciale per la manifestazione.
In questo sistema, la terra rappresenta la forma, la solidità e la stabilità, il nostro più condensato stato della materia nell’estremità “più bassa” nello spettro dei chakra.
Mooladhara Chakra è raffigurato come un fior di loto con quattro petali, il suo colore è rosso cupo, il colore della lava emergente dalle viscere della terra, il colore con la maggior lunghezza d’onda e la vibrazione più lenta nello spettro visibile.
Il nome sanscrito di Mooladhara significa Radice. Il nervo sciatico, scendendo dal plesso sacrale lungo le gambe, è il più grande nervo periferico del corpo e funziona come una radice per il sistema nervoso. 
I piedi e le gambe che consentono la locomozione ci permettono di portare a termine i compiti necessari ad ottenere le sostanze vitali dalla terra e dal suo ambiente. Le gambe toccano il terreno sotto di noi. È tramite loro che il sistema nervoso si connette alla terra, l’elemento di questo primo chakra. Noi reagiamo allora, cinesteticamente, alla sottostante forza di base della terra, la gravità, che ci attira verso il basso. Questa forza ci mantiene connessi al pianeta, radicati nell’esistenza materiale.
La gravità è un principio fondamentale di questo 1° chakra. In quanto condensa la coscienza e l’energia, e li rende materiali.
I problemiche derivano da uno squilibrio dell’energia di Mooladhara: sono problemi connessi all’equilibrioall’essere poco concreti, alla mancanza di senso pratico o eccessivo senso praticodifficoltà ad individuare la propria strada per mancanza di radicamento a terra, troppo sognatori.
 Riassumendo le parole chiave di Mooladhara chakra:
  • TERRA
  • RADICI
  • BASE
  • SOPRAVVIVENZA
  • CORPO
  • CIBO
  • MATERIA
  • INIZIO
Le Asana per rafforzare Mooladhara Chakra
  • Le asana in piedi, tra cui: Tadasana, Vrksasana, Garudhasana, Virabhadrasana II
  • Baddha konasana 
  • Upavistha Konasana 
  • Janu Sirsasana
  • Paschimottanasana
  • Pavana Muktasana (ginocchia al petto)
M.to Felice Vernillo
…continua con II° chakra…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su