fbpx

Lo yoga in gravidanza

Lo yoga in gravidanza

La gravidanza pone la donna di fronte a nuove emozioni e a una nuova percezione di sé e del proprio corpo. Avere in grembo una creatura significa sviluppare pazienza, osservazione, sperimentare i propri cambiamenti fisici ed emotivi, imparare a conoscersi più profondamente per risvegliare l’innata sensibilità materna.
Praticare yoga svolge un ruolo fondamentale per accompagnare le donne durante la gravidanza.
Il periodo dell’attesa deve essere vissuto in piena consapevolezza, prendendosi cura di sé, lo yoga è, senza dubbio, la disciplina che più di tutte permette alla donna di maturare una perfetta consapevolezza del proprio corpo e della propria mente. Conoscersi profondamente, avrà per la futura mamma grande importanza al momento del parto, la donna che ha sviluppato una buona consapevolezza di sé sarà in grado di ascoltarsi e gestire nel migliore dei modi l’esperienza del parto. Poiché lo yoga è unione di corpo, mente e spirito.
Durante la gravidanza il corpo della donna si trasforma, i cambiamenti che avvengono in lei non riguardano solo il suo corpo, ma anche la sfera mentale ed emozionale.
Lo yoga, pertanto, aiuta la donna a superare i piccoli disagi della gravidanza, aiuta ad essere più rilassati, positivi, capaci di affrontare questo periodo.
Si può iniziare a praticare yoga dalla tredicesima settimana in poi fino al giorno del parto.
I benefici dello yoga per la futura mamma e il bambino
  • Fisicamente aiuta a sviluppare la flessibilità del corpo
  • Migliora la capacità respiratoria
  • Aiuta a equilibrare il sistema nervoso
  • Favorisce la capacità di rilassamento
  • Aiuta a preparare la mente al parto canalizzando la paura e le emozioni
  • Crea un legame particolare con il proprio bimbo prima che nasca e  sviluppa la consapevolezza del grande dono che si possiede: donare vita
  • Lo yoga dona consapevolezza e crea profondo legame tra corpo e mente,  soprattutto per questa ragione rappresenta uno strumento prezioso per tutte le donne che si apprestano a vivere l’esperienza più bella della loro vita: partorire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su